IL TACHIGRAFO DEL FUTURO

IL TACHIGRAFO INTELLIGENTE

Nel 2019 entrerà in vigore la nuova generazione di cronotachigrafo digitale È l’innovazione più importante dal passaggio dall’analogico al digitale, perché apporta funzioni rivoluzionarie per aziende e autisti. Le nuove caratteristiche hanno lo scopo di contrastare le manomissioni, aumentare i controlli e migliorare l’utilizzo del cronotachigrafo

Il cronotachigrafo 4.0 registrerà automaticamente la posizione del veicolo tramite rilevazione satellitare. Tale rilevazione avverrà all’inizio e alla fine del periodo di lavoro del conducente e a intervalli di tre ore durante la guida.

l Regolamento ha inoltre fornito dei chiarimenti e introdotto altre novità tecniche e funzionali

  • Un’importante chiarimento riguarda la definizione e il metodo di calcolo delle 3 ore di guida per la geolocalizzazione del veicolo. Per evitare fraintendimenti e confusione rispetto a quanto indicato precedentemente, il nuovo Regolamento chiarisce che la posizione è rilevata a ogni multiplo di 3 ore del “periodo di guida cumulativo”, che non viene mai resettato. Quindi ogni 3 ore di movimento del veicolo, in qualsiasi modo effettuate, sarà registrata la posizione.
  • Un’altra novità riguarda le stampe giornaliere dell’autista e del veicolo, dove viene modificato il campo della posizione , completo di ora e odometro, rilevata ad inizio e fine turno e ogni 3 ore di guida.
  • Altri adeguamenti riguardano la combinazione di pittogrammi utili a indicare la posizione dopo 3 ore di guida, le anomalie della geolocalizzazione e del dispositivo di comunicazione remota con gli organi di controllo.
  • È stato chiarito inoltre che il consenso del conducente, sul trasferimento dati ad interfacce esterne, non è previsto per lo scarico dei dati tachigrafici da remoto effettuato con la carta aziendale.
  • Inoltre sono stati adeguati i sigilli ai nuovi standard di sicurezza previsti dalla norma EN 16882:2016

LA TECNOLOGIA A PORTATA DI MANO